SALARI: L'IRES CGIL SCOPRE L'ACQUA CALDA

Roma -

Su tutti i giornali di oggi sono apparse notizie sul preoccupante depauperamento del valore del salario dei dipendenti pubblici. Ci piacerebbe sapere come mai solo adesso si accorgono dell'impoverimento dei lavoratori dipendenti, eppure la RdB P.I. queste cose le pre-dice da almeno 10 anni; si sarebbe potuto prevenire piuttosto che curare, anzi ci auguriamo che si corra ai ripari e che finalmente anche le altre OO.SS. insieme alla RdB ricomincino a fare sindacato quello con la S maiuscola.

Rilanciamo pertanto la battaglia per il ripristino della scala mobile che da anni la RdB P.I., attraverso anche la raccolta di firme, conduce in perfetta solitudine oltre alla lotta per salari europei, per una Pubblica Amministrazione al servizio di tutti i cittadini, per il lavoratore pubblico visto come una risorsa su cui investire e non un costo su cui tagliare, per pensioni adeguate al costo della vita, contro lo scippo del TFR e contro qualsiasi tipo di precarietà.

La RdB P.I. da anni e, in tempi non sospetti, con manifestazioni ed iniziative e con il coinvolgimento dei lavoratori porta avanti queste battaglie. Peccato che al nostro fianco mai nessuna altra OO.SS. che oggi, guarda caso in campagna elettorale RSU, fa circolare volantini in cui fa proprie le battaglie della RdB P.I. senza aver mai messo in campo alcuna iniziativa idonea a tale scopo.

Ben vengano comunque i pentimenti dell'ultima ora, siamo ben felici di essere in compagnia tanto sapremo presto se le parole resteranno tali oppure alle parole seguiranno i fatti.

Le campagne elettorali si fanno sui contenuti e non sulle parole o peggio ancora con i ricordini.

Raccomando i colleghi di far circolare l'informazione in maniera capillare è importante che i lavoratori sappiano quanto in termini economici hanno perso negli ultimi anni per effetto di scelte scellerate operate dai governi ed avallate dai sindacati concertativi.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni