LETTERA DI DELEGATO SINDACALE USB AI COLLEGHI

Buon giorno a tutti, sono Giovanni Novelli delegato sindacale della USB.

 

Come noi, tutte o quasi le organizzazioni sindacali, hanno come è usanza promosso assemblee come questa

 

essendo sotto elezioni RSU. Dal punto di vista di un'organizzazione sindacale le elezioni RSU restano un

 

momento importante per confermare la loro rappresentatività secondo le norme vigenti e quindi la loro possibilità

 

di sedersi ad un tavolo e parlare a nome dei lavoratori.

 

Non c'è che constatare amaramente ed al contempo senza stupore alcuno che i sindacati concertativi o gialli

 

( quelli filo padronali) hanno fallito nel rappresentare i lavoratori non di meno in ambito giustizia...

 

Non sto qui a cercare numeri a sostegno perché dovrebbe essere chiaro a tutti quanto segue:

 

- nel corso degli anni il potere di acquisto dei lavoratori è venuto meno con retribuzioni sempre più slegate

 

dal reale costo della vita

 

- il potere contrattuale del lavoratore è stato via via ridotto grazie all'ignavia e alla complicità dei sindacati

 

maggiori che hanno preferito acconsentire ai continui scippi realizzati nei confronti dei lavoratori in

 

cambio di prebende o per semplice incapacità

 

- al di là di ciò che accade nell'ambito della giustizia la democrazia è ormai ridotta ad una parola

 

pressocché vuota con le continue emergenze che vanno a giustificare in un contesto più ampio la

 

riduzione degli spazi di libertà e dignità degli individui a partire dalla loro connotazione in ambito

 

lavorativo come persone e non come oggetti da utilizzare

 

- le norme introdotte per una presunta meritocrazia non faranno che traslare in ambito interno,

 

l'aggressione in atto verso lo stato sociale e verso il cittadino e il lavoratore, in una ulteriore guerra tra

 

poveri attraverso anche forme di delazione e di lotta per le briciole, spacciata per una forma di conquista

 

da altre organizzazioni sindacali

 

Non aggiungo altro perché questo elenco potrebbe essere così lungo da non bastare un'intera giornata e non mi va

 

di stare ad elencare le magagne e ciò che non va.

 

Questo discorso sarebbe rivolto in realtà agli indecisi, a quelli che non si schierano, che non mettono la propria

 

faccia, che invocano l'intervento altrui, che restano legati ormai solo per consolidata abitudine ai soliti noti, ma di

 

fatto non si rendono attori del cambiamento e, ove colgano la cristallizzazione ed incancrenimento dello squallido

 

sistema di relazioni sindacali, resosi sempre più stantio come l'acqua di un acquitrino, non fanno altro che

 

lamentarsi senza proporre, senza esporsi, senza prendere una posizione univoca e determinata a difesa dei propri

 

interessi e di quelli dei propri colleghi.

 

Queste persone non devono e non possono... essere raggiunte con queste parole che tanto meno giungeranno loro

 

non essendo qui presenti.

 

Tale categoria di persone può essere raggiunta solo con le azioni ed i fatti tangibili realizzati da questa

 

organizzazione sindacale, tenuta insieme dalla passione di poche ma qualificate persone, quanto meno per

 

la loro dedizione ed il loro impegno concreto.

 

Il sindacato non può identificarsi con i suoi singoli rappresentanti ne con voti di convenienza sull'urgenza del momento ma con i lavoratori che devono credere al sindacato non in modo dogmatico ma facendosi latori di nuove idee secondo un'ottica che rimetta al centro il lavoratore e non lo riduca allo stato attuale come una merce di scambio per più alti ideali.... (vedasi ad esempio i fondi pensione).

 

Il sindacato non sono io, non è Antonio, non è Luciana; il sindacato siamo Noi tutti, il sindacato siete anche e soprattutto voi.

 

Dovete essere voi a svegliarvi e finalmente a mettervi in gioco sempre che non sia troppo tardi...

 

Il voto non è il fine ma solo uno dei pochi mezzi che sono rimasti per restituirti il tuo ruolo di attore sul tuo posto di lavoro ma più in generale, per quella si auspica possa essere una metamorfosi della tua forma

 

mentis, nella vita di tutti i giorni.

 

VOTA E FAI VOTARE USB PUBBLICO IMPIEGO

 

MA PRIMA DI TUTTO SMETTI DI DELEGARE E RENDITI ARTEFICE!

 

IL SINDACATO SEI TU

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni